Presentazione

La saga di Strider nasce qualche anno fa, durante un lungo soggiorno in Nord Europa, l'occasione giusta per riunire e dar forma a spunti ed idee cresciuti con me fin da quanto ero ragazzino: il tono del racconto rimanda al mondo dei fumetti e cartoni animati, riletti in chiave personale.
Mi sono molto divertito a scrivere i due libri e, nello stesso tempo, a costruire dal nulla ogni elemento del mio personale mondo fantastico. La geografia, il carattere dei personaggi, gli animali, gli oggetti più assurdi e i combattimenti sono nati dalla mia matita prima che dalla mia penna.
Nell'estate del 2013 ho deciso di scommettere sul mio racconto e di autopubblicare La Grande Foresta e I marchiati di Minharan su Createspace, piattaforma di Self-Publishing di Amazon. Il mio esperimento è andato a buon fine e molti lettori che hanno amato la storia mi hanno incoraggiato ad investire ulteriori energie per migliorare Strider.
Dopo una prima importante revisione testuale e grafica, l'edizione definitiva de La Grande Foresta del 2016 vanta una collaborazione con il grande Ivan Calcaterra, disegnatore di Nathan Never per Sergio Bonelli e anche lui scopertosi fan della mia saga. Ivan ha realizzato non solo la nuova, bellissima copertina insieme a Giuseppe Di Dio, ma ha anche voluto arricchire il volume con meravigliose illustrazioni.
Durante il 2017 arriverà anche l'edizione illustrata de I marchiati di Minharan, che insieme al volume precedente conclude il primo ciclo narrativo della serie. La saga di Strider è composta infatti, sin dall'inizio, da un totale di cinque volumi: i restanti tre sono al momento in lavorazione.

 

Trama

Nel Prologo che apre la saga, due guerrieri si fronteggiano in un mondo in fiamme: entrambi hanno capacità sovrumane, lo scontro è furioso… Ma quando la battaglia sta per volgere al suo tragico epilogo, comincia il lungo flashback che dà corpo alla storia.


La Grande Foresta si estende sconfinata. Per Ian ed Elana, due ragazzini che vivono in uno sperdutissimo villaggio, non esiste alcun mondo al di là di essa. Gli anziani mormorano di un evento terribile che avrebbe spazzato via la vecchia civiltà… Ma i vecchi ne dicono di cose e così i due, incuranti degli avvertimenti, ogni tanto se ne vanno a zonzo esplorando i dintorni.

Così, durante una battuta di caccia un po’ avventata, Ian ed Elana s’imbattono in qualcosa di eccezionale: un trovatello, svenuto nel peggior posto in cui si possano perdere i sensi. Il ragazzo non ha alcuna memoria del proprio passato, eppure Nora (così viene soprannominato) è la prova vivente che gli adulti mentivano: al di là el villaggio, la civiltà esiste ancora.

Scavando nel passato, i tre ragazzini non solo verranno a conoscenza della calamità spaventosa ed incomprensibile detta Progenie della Nebbia Nera e dei misteriosi Strider che la fronteggiarono... Ma vi avranno a che fare di persona.

Qui comincia l’avventura: perché è ricomparsa la Progenie? Perché gli adulti del villaggio hanno fatto vivere i ragazzini nell’ignoranza? Da dove vengono questi Strider? Purtroppo non c’è tempo di avere tutte le risposte: se la Progenie si aggira nella Grande Foresta, allora anche il villaggio è in pericolo…

Costretti ad una fuga precipitosa, da quel momento i destini di Nora, Ian ed Elana saranno intrecciati in un viaggio verso l'ignoto che li porterà ad incontrare loschi figuri e popoli selvatici, svelare misteri e scoprire mondi nuovi. La Progenie non è affatto solo un ricordo e la guerra... forse non è mai davvero finita.

 
Qui si chiude il primo romanzo e si apre il secondo, I marchiati di Minharan, che parla del ritorno a quella civiltà creduta scomparsa, dei Clan di Strider e delle loro rivalità intestine, nonché di un terribile complotto... Così, p
er difendere ciò che di caro è rimasto loro nel mondo, Nora e Ian, divenuti ormai come fratelli, arriveranno a prendere una decisione irreversibile e che li cambierà per sempre.